Con un bellissimo doodle animato Google celebra l’anniversario del debutto del “Malato immaginario” di Molière

Doodle di oggi celebra la vita e il lavoro dell’attore e drammaturgo Molière, che è ampiamente considerato il più importante drammaturgo del mondo e forse il più grande artista nella storia del teatro francese. Le sue opere satiriche illuminavano senza pietà la follia umana e mescolavano il balletto, la musica e la commedia in un nuovo genere che trasformava la buffoneria in una spiritosa critica sociale. 

In questo giorno del 1673, Molière ha debuttato la sua opera finale, Le Malade Imaginaire (The Imaginary Invalid) , un balletto in tre atti che satira la professione medica. Molière ha recitato nel ruolo principale di Argan, un severo ipocondriaco che cerca di convincere la figlia a rinunciare al suo vero amore e sposare il figlio del suo medico, in modo da risparmiare sulle spese mediche. Nella classica moda Molière, il dialogo del gioco spinge i vizi e le pretese dei suoi personaggi al punto di assurdità. Doodle di oggi offre uno scorcio delle scene più memorabili di Molière da The Invaginary Invalid e altri classici come School for Wives, Don Juan e The Miser .

Battezzato a Parigi nel 1622 come Jean-Baptiste Poquelin, Molière era figlio di un riuscito produttore di mobili e tappezziere alla corte reale. Rifiutando l’offerta di suo padre di intraprendere il commercio di famiglia, assunse il nome d’arte Molière e iniziò una vita a teatro negli anni ’40. Durando anni di difficoltà finanziarie, Molière fu imprigionato per debiti prima della sua svolta nel 1658, quando la sua compagnia si esibì per un pubblico reale al Louvre. 

Nonostante il sostegno reale, la penna spietata di Molière offese potenti interessi che cercavano di censurare il suo lavoro. La sua satira religiosa Tartuffe fu rappresentata per la prima volta nel 1664 e immediatamente messa al bando dalla corte del re Luigi XIV. Cinque anni dopo il divieto fu revocato e Tartuffe venne considerato uno dei suoi capolavori.

Ispirando le future generazioni di comici, lo spirito di Molière sopravvive oggi attraverso il lavoro di umoristi e satirici che condividono un impavido impegno per sputare l’ipocrisia con intuizioni spigolose. Come Molière ha scritto nella prefazione di Tartuffe , “Il dovere della commedia è correggere gli uomini divertendoli”.

VIA google.com/doodles/celebrating-moliere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

feedback_mix.png
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: