Telegram, a parere di molti la migliore e più sicura applicazione di messaggistica istantanea in circolazione e che recentemente è stata oggetto di una polemica con tanto di minaccia di chiusura da parte delle autorità russe nel caso i responsabili del software non avessero rivelato le chiavi di criptazione utilizzate (sic!), è disponibile per il donwload nella versione 1.2.14. L’applicazione è gratuita ed open source (con le implicazioni di sviluppo di terze parti che tale fatto comporta) ed è scaricabile da qui. Una volta scaricata l’app si configura facilmente

Premiamo il pulsante “START MESSAGING” ed inseriamo il nostro numero di telefono e clicchiamo su “Avanti”. Qui prima scegliamo in alto sulla destra “SETTINGS”E qui scegliamo la lingua (che poi potrà comunque essere facilmente modificata una volta terminata l’installazione della applicazione)

Quindi inseriamo il nostro numero di telefono ed andiamo avanti con l’instalazione


Premuto il pulsante NEXT ci verrà inviato un codice di 5 cifre al numero di telefono che inseriamo nella schermata successiva.

Ok Telegram è stato correttamente installato . Adesso siamo pronto per chattare e sfruttare tutte le potenzialità della applicazione senza la necessità di alcuna connessione con lo smartphone.

Una volta scelto dal menu in alto sulla sinistra il contatto con cui chattare potremo scrivergli, parlarci, inviare (cliccando sulla graffetta in basso sulla sinistra(qualsiasi tipo di file fino ad 1.5 GB di dimensione: .doc, .docx, .rar, .pdf ed inviare emoji tra una scelta davvero ampia. Ma anche ,cliccando, sulla fiammella in basso a sinistra, uno striker (che si pososno anche creare indiviualmente)

oppure un gif animata che potremo ricercare su un vasto database

Telegram è disponibile per qualsiasi dispositivo, inclusi smartphone e tablet Android e iOS.

Davvero interessante no? Ma Telegram offre anche altre interessantissime caratteristiche.

Telegram offre un elevato livello di sicurezza. Una delle principali caratteristiche riguarda l’utilizzo di algoritmi di criptazione all’interno delle chat, in modo tale da aumentare notevolmente il livello di privacy.

Telegram archivia, in modo completamente gratuito, tutti i messaggi direttamente sul cloud. Questa caratteristica permette, all’utente, di non perdere nemmeno un singolo messaggio.

Il meccanismo di autenticazione, se avete seguito la prima parte del post ,viene fatto attraverso un SMS gratuito inviato da parte di Telegram, che permette di accedere alle proprie chat su qualsiasi dispositivo. Con Telegram, inoltre, si possono di creare gruppi fino a 5000 membri, inviare file di varie tipologie tramite la chat e i bot.

Per un ulteriore tutela della privacy è anche possibile inserire un codice personale addizionale per bloccare l’applicazione e renderla accessibile solo a chi conosce tale chiave di sblocco.

Le chat con utenti si possono pur non avendo il numero di cellulare: i basta inserire un useraname pubblico ed è possibile cercare, mediante il comando -ricerca globale-, ed essere trovato da altri utenti che hanno Telegram.

Le funzionalità si possono ampliare attraverso l’uso dei bot. I bot sono piccole applicazioni sviluppato da terze parti che girano sulla piattaforma Telegram. Ce ne sono davvero per soddisfare molte esigenze. Utilizzarli è semplice: basta inserire il nome del bot nella barra di ricerca di Telegram e seguire le varie istruzioni.

Cliccando sulle tre barrette orizzontali sulla parte sinistra della schermata dell’applicazione arrivermo alle impostazioni.

Qui, oltre alla lingua come accennato poco sopra, potremo scegliere tral’altro, l’ attivazione di un codice di blocco, le impostazione di autodistruzione dell’account e attivare la verifica in due passaggi (codice via sms e password).

Lucio GhezzowindowsTelegram, a parere di molti la migliore e più sicura applicazione di messaggistica istantanea in circolazione e che recentemente è stata oggetto di una polemica con tanto di minaccia di chiusura da parte delle autorità russe nel caso i responsabili del software non avessero rivelato le chiavi di criptazione...Risorse free e webbis